Archivi categoria: storie

Bentornato Santoro, sentivamo proprio la tua mancanza

Le presentazioni dei programmi Rai in Viale Mazzini sono quasi sempre un susseguirsi di ringraziamenti e complimenti all’azienda da parte del conduttore di turno. Non è il caso di M, il nuovo talk show che segnerà il ritorno a Rai 3 di Michele Santoro 22 anni dopo Tempo Reale. Il giornalista salernitano, 66 anni, a lungo considerato il più autorevole tra gli anchorman italiani, ha dato vita ad una conferenza stampa che si è presto trasformata in una autocelebrazione. Come suggerisce il titolo, un chiaro e scontato omaggio all’omonimo capolavoro dell’espressionismo tedesco di Fritz Lang, la nuova trasmissione di Santoro ha (almeno apparentemente) l’intento di approfondire i mostri del passato e dell’attualità. Questo è quanto sperimentato nei primi due appuntamenti dedicati alla figura di Adolf Hitler andati in onda su Rai2 lo scorso anno.

Continua a leggere Bentornato Santoro, sentivamo proprio la tua mancanza

È il momento di Napoli, al cinema e in TV

Da qualche anno il pubblico identifica Napoli con Gomorra, la serie tv prodotta da Sky e tratta dall’omonimo best-seller di Roberto Saviano. Una delle migliori del mondo secondo il New York Times, e un successo internazionale clamoroso esportato in ben 190 paesi. Riconoscimenti che non sono serviti a placare le polemiche che riguardano il rischio di emulazione e l’immagine negativa che la serie, secondo i detrattori, continuerebbe ad offrire di Napoli.

Continua a leggere È il momento di Napoli, al cinema e in TV

Evviva Francesco Monte!

Buonasera,

torno a scrivere dopo qualche giorno di riflessione. Sabato scorso non ho registrato il nuovo episodio di Rose on Saturdays ma prometto che ritornerò a farlo il prossimo. Anticipo però una mia considerazione in merito ad un evento televisivo che mi ha molto colpito di recente. Chi mi conosce si sorprenderà nel leggere che il protagonista di questo mio breve intervento è Francesco Monte, sì, avete capito bene: il fidanzato cornuto della sorella di Belen Rodriguez. Domanda: “Sei impazzita?”, risposta: “Non ancora”.

Scelgo lui mentre leggo i commenti livorosi che gli utenti dei social media italiani indirizzano alle donne che in quest’ultimo periodo hanno trovato la forza di reagire e di denunciare gli abusi subiti da uomini di potere. Mi riferisco al caso Weinstein partito dalla coraggiosa testimonianza di Asia Argento, seguito dalle accuse rivolte ad amatissime star del calibro di Kevin Spacey e Dustin Hoffman. Tutto da verificare, ma l’indignazione ha ormai superato ogni limite.

Nelle ultime ore è arrivata poi la preziosa intervista della giornalista di Vanity Fair Italia Paola Jacobbi a Miriana Trevisan che, raccontando le presunte molestie subite da Giuseppe Tornatore, ha tentato di incoraggiare le colleghe che hanno vissuto la stessa esperienza ad imitarla. Mi auguro che così avvenga ma, considerando le dichiarazioni delle attrici Laura Chiatti, Margherita Buy e Claudia Gerini che si sono affrettate a difendere il regista (al diavolo la solidarietà femminile!) tutto porta a pensare che in Italia le donne non siano ancora pronte ad alzare la testa.

Cosa c’entra Francesco Monte in tutto questo? Domenica pomeriggio l’ex tronista è stato ospite di Domenica Live, l’orrenda trasmissione condotta da Barbara D’Urso su Canale 5 che registra abitualmente intorno al 20% di share. Ovviamente era lì per commentare il comportamento della sua fidanzata che dopo averlo umiliato per giorni interi e piantato in diretta televisiva si è fiondata tra le braccia del suo nuovo corteggiatore.

Della vicenda in se per sé poco mi importa ma ad attirare la mia attenzione è stato l’atteggiamento ammirevole esibito dal bel giovanotto che, nonostante gli evidenti limiti sintattici e grammaticali, non ha osato denigrare o proferire parole di rabbia all’indirizzo della sua ex. E non finisce qui. Monte c’ha tenuto a difenderla dagli spregevoli attacchi che la Rodriguez sta subendo in rete.

Le persone dovrebbero moderare i propri giudizi. Farlo le rende migliori, più rispettate e rispettabili: è questo il messaggio che arriva ai telespettatori che hanno guardato incantati Monte che di argomenti ne ha sicuramente pochi, sta consapevolmente cavalcando l’onda del successo del Grande Fratello Vip ed è ospite di una trasmissione che fa della speculazione la propria arma vincente.

Chiamatemi pazza ma io credo che in un contesto seguito come il salottino della D’Urso, regina della televisione trash, la condotta di questo ragazzo sia stata esemplare e miracolosamente educativa per il pubblico spesso gretto al quale si è rivolto.